Menu

Mi chiedi perché corro?

  • Written by  Serena Menghini
  • Read 3098 times

E la mente viaggia come un segugio: un odore riporta al passato. Terra bagnata e resina. La bambina che si slancia a perdifiato giù per le colline di villa Pamphili, ridendo. Sono io.

di Serena Menghini

Mi piace correre. Scarpe e maglietta, il resto, tutto il resto é superfluo.

Foglie che scricchiolano sotto i piedi, rumori attutiti, fruscii, la vita della pineta che pulsa nascosta. E la mente viaggia come un segugio: un odore riporta al passato. Terra bagnata e resina. La bambina che si slancia a perdifiato giù per le colline di villa Pamphili, ridendo. Sono io.

Mi chiedi perché corro? Perché mi sento libera.

Pensieri che si sbriciolano, la fatica incalza. Ape operosa, ma ogni volta bisogna saper trovare il ritmo giusto, stringere i denti.

Piove, carezze sul viso , dispiaceri che si sciolgono, nostalgia del tempo perduto. Corro e non sento freddo, corro e non ho paura, anche immersa in questo temporale.

Polvere di tartan in gola, odore lontano dell'adolescente che sono stata, allenamenti di atletica alla Farnesina, fatica e risate , trasferte e amicizie memorabili. Blocchi di partenza, il cuore che accelera. Sento forti le pulsazioni. Tensione , nervosismo, concentrazione massima. Devono sbucare gli artigli per balzare in avanti. E se il corpo risponde sono attimi di perfezione assoluta.

Chiedi perché corro? Perché anche per pochi secondi mi sembra di prendere il volo, gambe sulla luna, testa oltre le nuvole, leggerezza. Non c'è tempo per pensare nemmeno che l' assurdo rumore di macabre esplosioni di odio si avvicina. Non capisco, ma infondo corro anche per questo: piccola affermazione di voglia di vivere e condivisione.

Mi sono iscritta a Rfe per accompagnare l' amica Domitilla, poi mi sono lasciata trastullare dall'idea di nuove imprese immaginifiche, chilometri e chilometri da macinare, mete esotiche. Ariccia meglio di Timboctu.

Ma io non sono una podista. I podisti sono gente saggia che sa amministrare le energie, io, al massimo, rincorro sogni rintanata nei miei pensieri.

Ora Walter, il coach, il grande sciamano, artefice di divertentissimi giochi ginnici, mi ha invitato a raccogliere il testimone , tornare in pista e …. Ce la posso fare… Si tratta solo di correre a "più non posso" e con i RfE ho nuovi amici per migliorare non solo nella corsa.

 Mi chiedi perché corro? Il mio corpo porta i segni del tempo che passa ma io sorrido: quando corro ho ancora 15 anni, ma ora so cosa vuol dire.

Vieni a correre anche tu. Insieme si corre meglio.

back to top

Disclaimer

 Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. 
Questa opera è pubblicata sotto questa Licenza Creative Commons

Creative Commons 88x31

 

 

ASD Runners for Emergency - Fidal RM315 - Cod. AICS 106433 - C.O.N.I. Reg. Naz.le n° 221264
- C.F. 97798290587 - Viale della Vittoria 42, 00122, Lido di Ostia, Roma.