Menu

La Corsa di Miguel. Solidarietà e consapevolezza.

  • Written by  La Redazione
  • Read 3225 times

C'è una gara nel calendario podistico della Capitale con un tratto molto particolare che a noi di Runners for Emergency piace e ispira: "La Corsa di Miguel"

 

Sì perché non è solamente una gara podistica con un percorso suggestivo e un arrivo ancor più affascinante, quest'anno sulla pista di atletica dello Stadio Olimpico (sogno di tanti corridori amatori), soprattutto perché è l'apice di un'attività molto più ampia, con obiettivi di alto profilo e di lunga portata: aumentare la consapevolezza dei giovani sulle questioni "discriminazione", "razzismo" e "diritti umani".
"La Corsa che fa correre tutti": la 10 chilometri organizzata dal Club Atletico Centrale e dall'Uisp, ha scelto questo slogan per la sua edizione 2016.
Si attendono oltre 7000 persone che correranno per ricordare il maratoneta argentino desaparecido Miguel Sanchez, ma anche per "far correre": il riferimento è alle scuole, grandi protagoniste da sempre sul palcoscenico della Corsa, ma quest'anno ancora di più.
È' già cominciata infatti la pubblicazione in rete, sui social e sul sito internet della manifestazione, di un quotidiano curato dagli studenti di dieci scuole superiori romane nell'ambito dell'alternanza scuola/lavoro.
Ogni giorno i ragazzi raccontano il mondo della Corsa, i suoi personaggi, i segreti del percorso, le associazioni di solidarietà che accompagnano il lavoro degli organizzatori.


Un progetto ambizioso, quello de "La Miguel", tra le cui finalità vi è anche quella di trasmettere ai ragazzi alcune informazioni ed esperienze relative alla costruzione e alla promozione di un evento sportivo, con particolare riferimento all'utilizzo dello strumento giornalistico.


Quel "fa correre tutti" è anche riferito ai diecimila studenti che corrono nelle gare delle scuole fra febbraio e marzo. E alla neonata scuola di atletica per rifugiati, aperta con la Liberi Nantes.
Il no a qualsiasi forma di discriminazione vive anche nella Strantirazzismo, l'appuntamento sui 4 chilometri che accompagna la corsa grande. 

 

La corsa come strumento di crescita, di abbattimento di pregiudizi, di allargamento di orizzonti e di aiuto concreto a chi è meno fortunato, vive in situazioni di discriminazione o persecuzione: questo spirito, nel nome di Miguel Sanchez, de "La Corsa di Miguel" rappresenta per noi di Runners for Emergency un modello e un'ispirazione a migliorare la qualità dell'impegno sociale e solidale che accompagna le nostre corse e tutta l'attività dell'associazione.

Un impegno che ci piacerà onorare, in particolare domenica 31 gennaio nel correre i 10 chilometri della gara con entusiasmo e correttezza, e nelle settimane e gare a venire con rinnovato entusiasmo sempre attenti a portare solidarietà e aiuto laddove ne emerga bisogno.

 

La Redaziùn

back to top

Disclaimer

 Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. 
Questa opera è pubblicata sotto questa Licenza Creative Commons

Creative Commons 88x31

 

 

ASD Runners for Emergency - Fidal RM315 - Cod. AICS 106433 - C.O.N.I. Reg. Naz.le n° 221264
- C.F. 97798290587 - Viale della Vittoria 42, 00122, Lido di Ostia, Roma.