Menu

“A TALES OF… ”

A TALES OF                        

Siete pronti? Via!!! Continuate a scrivere, premieremo le migliori storie sulla corsa raccontate da voi!

Stiamo programmando, per la metà di giugno, l’evento letterario di “Runner for Emergency”: un’apposita giuria sceglierà e premierà, a suo insindacabile giudizio, i migliori tre Autori dei racconti pubblicati in questi mesi nel nostro sito nell’apposita sezione: “Le vostre storie”.

Cosa aspettate dunque? Scriveteci la vostra “Tales of…”. Vi aspettiamo in tanti!

Read more...

Festa Sociale di fine anno 2015

È iniziata con le parole di Roberto, uno dei 4000 volontari di Emergency attivi in Italia, che raccontava con parole semplici e senza enfasi alcuna l'incredibile lavoro che Emergency porta avanti dal 1994 nelle zone di guerra e non solo e si è conclusa con i calici in alto a coronare un anno di attività di Runners for Emergency fatto di sorrisi, sacrifici, sforzi "titanici" e tanto buonumore. La nostra serata di fine anno, un'occasione per incontrarci in "borghese", noi abituati a vederci quasi esclusivamente in tuta o in canotta, pantaloncini corti e scarpe da corsa.

Le parole di Alessandro Bertani, vicepresidente di mamma Emergency, ci hanno descritto l' "extra mile" che la nostra ONG di riferimento ha posto al centro della sua attività: "oltre la cura".

Non solamente curare "tutte" le vittime di guerra, a prescindere dalla loro provenienza o appartenenza, ma, soprattutto, occuparsi del contesto, declinato in mille sfumature: che gli ospedali e i punti di primo soccorso siano "belli" e accoglienti per le vittime e per le famiglie, che si progetti il dopo che le cure siano terminate, che si progetti un dopo la presenza di Emergency, formando personale locale qualificato al quale passare la palla, che si vada "oltre" con uno sguardo di lungo periodo che tenga insieme i valori di Emergency e le necessità specifiche dei luoghi in cui opera. Altra informazione degna di nota è l'attività che Emergency, ormai dal 2007, svolge in Italia, prima a tutela dei migranti senza alcuna copertura sanitaria e poi, a seguito della crisi economica, di un numero crescente di italiani non più in grado di accedere ai servizi a pagamento del sistema sanitario nazionale: ben un italiano su sei, impressionante.
I nostri volti erano eloquenti: l'ammirazione per l'opera di Emergency, se possibile, era ulteriormente cresciuta.

 

La cena, poi, le chiacchiere, le battute e i programmi per le prossime gare, tra un fritto e la lasagna di pesce (mmmhh...), fino alla premiazione del Criterium d'autunno con sorprese per molti, ai ringraziamenti per l'impegno di tanti e alla presentazione della nuovissima iniziativa targata RfE: l'affiliazione alla Fidal e l'avvio del programma per le attività in pista, primo appuntamento sabato 19 dicembre presso lo stadio Giannattasio di Ostia, per la familiarizzazione con la pista e diverse attività di atletica, sotto la stretta e competente sorveglianza del "SupaCoach" Walter Amatore e la new entry "SmileyCoach" Alessia Zappi.

 

Un anno di attività riassunto soprattutto in questo numero:
1450,00 € raccolti per Emergency

da un gruppo di pazze e pazzi che passano il loro tempo libero a farsi scoppiare il cuore in magliettina e pantaloncini per sentirsi vivi e aiutare altri a continuare a vivere.

 

**LA FOTOGALLERY DELLA SERATA**

Grazie a tutti.
Runners for Emergency

Read more...

Perché Runners for Emergency

L'idea di creare "Runners for Emergency" non è nata certo per caso.

 

Lungo i tanti tragitti tra la rigogliosa pineta di Castelfusano, le strade di Ostia e del suo lungomare, tra una corsa, una ripetuta e un allungo per "mettere in cassaforte" un'altra manciata di chilometri in vista della prossima gara, diecimila, mezza o maratona che sia, tra una profonda boccata d'ossigeno per recuperare il fiato corto e una bevuta alla fontanella più vicina: così è nata quella che inizialmente poteva sembrare un sogno ma oggi è diventata una realtà.
Grazie soprattutto ad un gruppo coeso di persone, unite dagli stessi sentimenti e ideali, oltre ovviamente alla passione smisurata per lo sport, la corsa in particolare.

Sono stati sufficienti pochi ma efficaci incontri, alcune cene in pizzeria per discutere una serie di dettagli tecnico-logistici e fin da subito tanti runners si sono uniti, tutti motivati da un unico obiettivo comune da perseguire: fondare un'associazione sportiva. Un obiettivo già di per sé nobile. Del resto nell'antica Grecia i pedagoghi diedero allo sport uno spazio assai importante nei loro programmi educativi: l'educazione del corpo e l'educazione della mente procedevano di pari passo, campi e palestre erano anche luoghi d'istruzione ed i grandi filosofi dell'antichità come Socrate, Aristotele e Platone, erano anche istruttori sportivi.

"Solo" questo non ci sembrava sufficiente, volevamo qualcosa di più.
Da qui l'idea di far nascere "Runners for Emergency".

 

Logo Social rosso hashtag transparent


Non è stato certo un caso, nell'ideare il logo stilizzato e realizzarlo che, al posto della vocale "o", incastonata tra le consonanti "f" ed "r" di for, ci sia un cuore: per dire "corriamo", sì certo, lo facciamo con tutto il nostro cuore, ma volevamo unire, oltre a quei valori nobili che accomunano lo sport e ogni disciplina sportiva che si rispetti, un'altra causa che noi tutti ritenevamo fosse altrettanto nobile: la Solidarietà.
Grazie alla preziosa collaborazione di tante persone, uomini, donne motivati e con il cuore sincronizzato come fosse un unico muscolo a pulsare, ha preso il via l'ambizioso progetto.

Casualità del destino: il 15 maggio 1994 in un ristorante di Milano, grazie alla ferrea volontà di Gino Strada e della moglie Teresa Sarti, insieme a Carlo Garbagnati e ad un gruppo di loro amici, nasceva Emergency. A distanza di vent'anni dalla fondazione di questa organizzazione umanitaria, nata con l'obiettivo di aiutare e curare le vittime di guerra, delle mine e della povertà, a cominciare dalla prima missione nel Ruanda del genocidio, nel giro di pochi anni Emergency è "sbarcata" in sedici Paesi, dal deserto alla giungla, sotto i razzi e le bombe o tra i cittadini del mondo stremati da fame e miseria, per curare una persona ogni due minuti.
Così allo stesso modo, in coincidenza con il ventennale di Emergency, in una pizzeria di Ostia un gruppo di amici runners ha fondato "Runners for Emergency".

L'abbiamo voluto fare perché ci crediamo fortemente: pensiamo che correre, unire lo sport e la solidarietà possa contribuire a migliorare ognuno di noi e la nostra società.
Grazie a tutti per averci creduto e di crederci tutti i giorni: sempre correndo!

Read more...
Subscribe to this RSS feed

Disclaimer

 Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. 
Questa opera è pubblicata sotto questa Licenza Creative Commons

Creative Commons 88x31

 

 

ASD Runners for Emergency - Fidal RM315 - Cod. AICS 106433 - C.O.N.I. Reg. Naz.le n° 221264
- C.F. 97798290587 - Viale della Vittoria 42, 00122, Lido di Ostia, Roma.